martedì 30 settembre 2014

Turchia: il paese si schiera contro l’ISIS, pronti per un’azione via terra



La battaglia area nei cieli dell’Iraq e della Siria ha raggiunto altri bersagli terrositici. Il Pentagono ha confermato l’esito positivo della missione di bombardieri che hanno colpito altri siti appartenenti all’ISIS, 7 in Siria nella zona curda e 3 in Iraq.



erdoGli sontri non si svolgono solo via cielo ma proseguono anche via terra. I terroristi del califfato avanzano in direzione del confine turco. La loro avanzata è necessaria per evitare di rimanere un bersaglio facile per i bombardieri americani. Di ritorno dall’Assamblea generale dell’ONU, il Presidente Erdogan, ha dichiarato di essere pronto a inviare truppe via terra con l’intento di creare una zona protettiva per i milioni di rifugiati che hanno preso la via della fuga dai terroristi.
Dall’Egitto, i militari dell’esercito nazionale hanno fatto sapere di aver registrato l’arrivo di guerriglieri dell’ISIS e di essere in possesso di materiale sequestrato. Tra questi, un computer  che indicherebbe alcuni obiettivi sensibili e bersagli che estenderebbero il conflitto in tutta la nazione egiziana.
Dopo il primo attacco aereo inflitto alla Siria, in questi giorni i raid americani proseguono incentrandosi anche su Al Qaeda che ha colpito un’ambasciata americana a Saana. Un attacco rivendicato per vendicare i bambini vittime dei droni nella provincia di al Jawf. Tuttavia, almeno per ora, gli aerei degli States non hanno nel mirino i territori appartenenti al regime di Assad.
Il Presidente russo Putin, ha dichiarato di essere pronto a procedere militarmente anche in Siria, non senza l’autorizzazione di Damasco, poiché secondo lui, gli Stati Uniti guidano l’attacco di una coalizione in uno Stato sovrano. A fargli eco, le dichiarazioni del primo ministro Lavrov: “Di  fatto Washington ha apertamente dichiarato il suo diritto di usare la forza unilaterale ovunque nel mondo per difendere i suoi interessi”.
L’Iran ha fatto sapere che se i guerriglierei dell’ISIS si avvicineranno ai confini nazionali saranno contrastati con fermezza e durezza.




Fonte:  Manuel Giannantonio per 2duerighe