martedì 19 novembre 2013

GUERRA A QUESTA EUROPA!

Siete venuti a combattere da uomini liberi, e uomini liberi siete: senza libertà cosa farete? Combatterete? Certo, chi combatte può morire, chi fugge resta vivo, almeno per un po’… Agonizzanti in un letto fra molti anni da adesso, siete sicuri che non sognerete di barattare tutti i giorni che avrete vissuto a partire da oggi, per avere l’occasione, solo un’altra occasione di tornare qui sul campo ad urlare ai nostri nemici che possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà! (William Wallace)
…la libertà di decidere!
Questa non è l’Europa che sognavo, questa non è l’Europa che sognava il mio Alcide DeGasperi, questo è solo un terribile sbaglio, un castello di carta straccia, di monete e capitali che ha dimenticato il suo popolo, le sue tradizioni, ii suoi valori, questa non è la mia Europa!
Ho scritto per anni che ormai la plutocrazia mondiale ed soprattutto europea, la finanza hanno sequestrato il futuro delle Nazioni, soprattutto quello delle future Generazioni.
Certo ci sarà sempre qualche oca giuliva che sosterrà che sto esagerando, sto enfatizzando, che questo è populismo, demagogia, ma purtroppo oggi questa è la realtà!
La notizia della scorsa settimana è senza dubbio quella che riguarda il fallimento del governo italiano, tra una ripresa in fondo al tunnel e l’altra, con massicce dosi di ottimismo che puntualmente vengono distrutte dai killer burocrati europei, sulla base della semplice realtà, senza alcuna flessibilità ma badate bene SOLO PER NOI!
Dopo aver massacrato il Paese di tasse e deflazionato i salari, massacrato il lavoro e i consumi, in n ome di questa Europa…
(ASCA) – Bruxelles, 15 nov – ”Per usufruire della clausola per gli investimenti ci sono delle regole, che il governo italiano e il ministro Saccomanni conoscono”. La clausola ”puo’ essere attivata nel caso in cui siano rispetti gli obiettivi di deficit e debito, e l’Italia ha rispettato gli impegni di deficit ma non quelli di debito”. Cosi’ il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, nella conferenza stampa di presentazione delle opinioni sui progetti di legge di stabilita’ 2014 dei paesi dell’Eurozona. Rehn chiede quindi al nostro paese ”una riduzione del debito pubblico nel 2014 e uno sforzo fiscale dello 0,5% del Pil”.
Ci sono delle regole ? Ma stiamo scherzando, tu rispetti un impegno il deficit, suoni la grancassa per raccontare all’Europa intera che il premio sono qualche miliarduccio da destinare agli investimenti e poi all’improvviso ti inventi che gli obiettivi non verranno centrati perchè il debito è salito soprattutto grazie alle politiche criminali imposte da Monti e dall’Europa, deflazionando salari, distruggendo lavoro, massacrando consumi e polverizzando la produzione industriale?
Bene e allora quale è la soluzione?
Eccola qua , qualche imbecille in questo Paese pensa bene di svendere assets in mezzo ad una depressione economica!
Eccoli qua i liquidatori d’Europa, liquidatori d’Italia…
“Per quanto riguarda la vendita di beni pubblici, da quanto ho capito il governo punta ad accelerare la privatizzazione e la vendita di asset pubblici e certamente, considerando l’alto livello del debito italiano, queste sono misure importanti e appropriate”. Lo ha detto il commissario Ue agli Affari economici, Olli Rehn, intervistato da SkyTg24 
Sul Sole 24 Ore il cantastatorie di sistema Folli ci racconta che per Letta …  Del resto anche con l’Europa il rapporto è increspato, come si è visto nella vicenda degli appunti mossi dal commissario Olli Rehn al nostro governo. Occorrono nervi saldi per superare senza danni questa fase: nervi saldi e l’intelligenza di prendere misure chiare, ancorché impopolari.
Non nervi saldi e coraggio per rispondere a tono a questi scribacchini europei, psicopatici incompetenti che hanno permesso al FMI e alla Troika di somministrare ai pazienti cure da cavallo fallimentari, come del resto avvie in tutto il mondo in nome di un turbocapitalismo rapace e distruttivo, per permettere alla plutocrazia mondiale di saccheggiare Stati e contribuenti, ma per avere l’intelligenza di prendere misure impopolari!
Chi ha orecchie per intendere intenda, gli altri tutti davanti al televisore a vedere “Che tempo fa” …
Nel fine settimana finalmente l’Italia ha trovato nuovi cuori impavidi, Angelino Wallace, insieme con i prodi Schifani, Formigoni, Cicchitto e Giovanardi, il nuovo che avanza ha costituito il nuovo centro destra, il nuovo ospizio politico nazionale. Nel frattempo nel pollaio piddino si svegliano anche i galli e si accorgono che forse è meglio suggerire all’amica di Ligresti di lasciare un incarico sensibile e delicato come quello del guardasigilli.
In America mentre gli psicopatici tonnaroti di Wall Street hanno addocchiato tonni a quota 1800/1820  i dati relativi alle vendite di abitazioni saranno sicuramente inferiori alle previsioni, alcuni dati in arrivo dal settore manifatturiero fanno intravvedere quello che accradrà nel primo semestre del prossimo anno, alla salute di Zio tapering mentre ci pensa la natura con 76 tornadi a ricondurre tutti alla realtà!
Saranno settimane interessanti contatteci, un paio di settimane e poi le svendite di Natale da non perdere, l’ultima occasione dell’anno!
L’uovo di Colombo, l’ ennesima conferma che abbiamo scelto la rotta giusta è in viaggio, per tutti coloro che hanno sostenuto o vorranno sostenere liberamente il nostro viaggio.

Tratto da : icebergfinanza