lunedì 5 maggio 2014

Portogallo annuncia ' uscita pulita ' dal piano di salvataggio Ue-Fmi



BRUXELLES - Il primo ministro portoghese Pedro Passos Coelho Domenica ( 4 maggio ) ha annunciato che il paese esce dal suo programma di salvataggio triennale, senza ulteriori prestiti , proprio come l'Irlanda ha fatto sei mesi fa .

"Il governo ha deciso di uscire dal programma di assistenza, senza ricorrere a qualsiasi tipo di programma di precauzione ", ha detto Coelho , aggiungendo che questa è stata " la decisione giusta " per il Paese .

I Ministri delle Finanze della zona euro, riuniti a Bruxelles il Lunedi, sono tenuti a confermare la sua decisione, al commissario UE Siim Kallas dicendo che la commissione " sosterrà le autorità portoghesi e le persone in questa scelta sovrana " .

L'altro prestatore internazionale coinvolto nel piano di salvataggio , il Fondo Monetario Internazionale , ha accolto con favore l'annuncio.

"Le autorità portoghesi hanno stabilito un forte track record di attuazione delle politiche per affrontare annosi problemi strutturali del paese. Questo fa ben sperare per il Portogallo che esce dal suo programma UE / FMI sostenuto ", ha detto il capo del FMI Christine Lagarde in un comunicato.

Con il costo del debito del Portogallo in forte calo quest'anno, Lisbona è stata incoraggiata dai suoi partner europei a cercare un ' uscita pulita' , come ulteriori prestiti sarebbero soggetti ad approvazione nei parlamenti nazionali, in particolare il Bundestag tedesco .

Il Portogallo è stato costretto a cercare 78 miliardi di euro, per il salvataggio nel 2011 ed ha dovuto adottare misure di austerità dure, che hanno scatenato le proteste di massa e sono stati parzialmente colpiti dalla Corte Costituzionale.

Il Governo di centro-destra di Coelho  ha sostituito le misure respinte con altri tagli di bilancio, come la chiusura delle scuole pubbliche e tagli alla sanità .

Dopo una profonda recessione , l'economia portoghese sta crescendo di nuovo  ma lentamente, la disoccupazione è ancora alta ( 15,3 % ) , anche se è sceso da un picco del 17,7 per cento. I giovani sono colpiti più duramente, con la disoccupazione tra quelli sotto i 25 anni in piedi al 35 per cento.

Il debito del paese è  un ulteriore problema perchè con il piano di salvataggio hanno aumentato l'indebitamento complessivo dal 93 per cento del PIL al 129 per cento.

"Ogni cittadino portoghese ha subito gli effetti dolorosi di una crisi che potrebbe e dovrebbe essere evitato ", ha detto Coelho nel suo discorso Domenica .

Ha detto che molte famiglie stanno ancora lottando , ma che i sacrifici non sono stati fatti invano, come dimostra l'uscita di salvataggio " pulito" .

"Abbiamo riserve finanziarie per un anno che ci proteggerà da qualsiasi turbolenza esterna ", ha aggiunto.

Tutto questo ci fa capire ancora una volta che in Europa i problemi si presentano per tutti, ma la strada per uscire dal tunnel va intrapresa, o quantomeno dobbiamo prenderne inevitabilmente una.


By Steve portavoce di tivedoitalia