martedì 27 maggio 2014

Renzi, via libera alle riforme: “Ora non ci sono più alibi”

renzi






“Non ci sono più alibi per non fare le riforme e in Europa si può aprire una terza via fra populismo e restaurazione”. Ne è convinto Matteo Renzi, più che mai soddisfatto del risultato elettorale e della sconfitta grillina.
Commosso dall’esito storico del Pd, il premier ha ammesso di “non essersi aspettato un risultato alle europee con proporzioni così grandi. Inoltre” – ha continuato Renzi – “è quasi commovente perché hai una forte responsabilità, non devi sbagliare un colpo”. E dopo i festeggiamenti, la promessa di mantenere gli impegni in Italia e in Europa: “Se l’Italia sarà capace di fare le riforme del Senato, del Lavoro, della Pubblica amministrazione allora sarà credibile nei confronti della Merkel e dell’Europa”.
Allo slogan renziano, “è arrivato il momento di cambiare”, ha subito fatto seguito il commento dei vinti, in primis Grillo e Berlusconi che hanno accettato la sconfitta, senza nessun cenno di resa. “Forse è ancora presto, in questa Italia di pensionati, ma andiamo avanti”, ha dichiarato il leader del M5S nel suo blog, prendendo ironicamente un Maalox per ingoiare il boccone amaro. Berlusconi, ha tentato invece di giustificare la caduta forzista, imputando il 16 % delle preferenze elettorali alla sua condizione di “prigioniero”.
Ma, accantonate le discordie con l’opposizione, Renzi guarda al futuro del paese, un’Italia che in Europa “non sia più un rimorchio, che non sia vista come il problema, che sia interlocutrice. Perché” -ha affermato il segretario del Pd – “Dobbiamo portare l’Italia a guidare quello che avverrà”.

Fonte: Benedetta Cucchiara per 2duerighe