venerdì 4 aprile 2014

F-35 si o F-35 no? Chi è la LOCKHEED MARTIN




Partiamo da quale compagnia è partita tutta questa bufera che si è scatenata sull'F-35!
La Lockheed Corporation era una delle più importanti industrie aerospaziali statunitensi e mondiali. Fu fondata originariamente nel 1912 e nel 1995 ci fu la fusione con la Martin Marietta, da cui nacque la nuova società Lockheed Martin, un'azienda attiva nei settori dell'ingegneria aerospaziale e della difesa. Attualmente ha sede a Bethesda (Maryland), e impiega circa 140.000 persone. È attiva in quattro settori di business: aeronautica (27% dei 45.2 miliardi di dollari di fatturato nel 2009), sistemi elettronici (27%), sistemi informativi e soluzioni globali (27%) e sistemi spaziali (19%).
L'azienda è il maggior contraente militare degli Stati Uniti; nel 2009, l'85% (38.4 miliardi di dollari) del suo fatturato proveniva dai contratti con il ministero della difesa o con altre agenzie federali, e un altro 13% da governi stranieri.
Non c'è che dire, un ottimo curriculum per un annuncio (cercasi fabbrica della guerra). Ma non è questo il punto che voglio esprimere, perché sul fronte ricerca, in tutti i campi elencati è quasi sempre stato un'esempio di eccellenza. Il punto su cui mi voglio soffermare è quel quasi! Si perché dobbiamo constatare che non sempre tutte le ciambelle vengono con il buco, quindi la possibilità che qualcosa vada storto all'interno di un progetto è un'eventualità che non si può scartare, e di conseguenza neppure per la Lockheed. Quello che è grave, a mio avviso, risiede nel fatto che per una società così importante, solo perché così importante, non può essere esente dal un giudizio obiettivo negativo sul proprio operato.
Il progetto F-35 è a tutti gli effetti un fallimento che la Lockheed cerca di tenere in piedi,  per non perdere l'enorme mole di investimenti nella sua realizzazione, attraverso il commissariamento e la diffusione del problema, spalmando il malfatto su qualche altro stato tra cui l'Italia. 
La Lockheed non è nuova nell'utilizzare questi mezzi! 
Infatti molti non sanno che nel corso degli anni la Lockheed è stata artefice di scandali riguardo gravi casi di corruzione avvenuti in diversi paesi negli anni settanta, e in particolare Paesi Bassi, Germania Ovest, Giappone e Italia.
Nel 1976 l'azienda statunitense ammise di aver pagato tangenti a politici e militari stranieri per vendere a stati esteri i propri aerei militari. Nei Paesi Bassi risultò coinvolta la stessa monarchia, mentre in Germania, Giappone e Italia i corrotti dalla Lockheed risultarono essere le strutture preposte alle valutazioni tecnico-militari dei Ministeri della Difesa, i Ministri della Difesa, e in Italia e Giappone anche i Primi Ministri.
In Italia, nel 1978, il Presidente della Repubblica Giovanni Leone fu travolto dallo scandalo Lockheed e dovette dimettersi. Vent'anni dopo, verificata l'insussistenza delle accuse rivoltegli per lo scandalo Lockheed, i radicali Marco Pannella ed Emma Bonino gli scrissero una lettera di scuse.
Diretta conseguenza politica e legislativa dello scandalo Lockheed negli Stati Uniti è stata la promulgazione del Foreign Corrupt Practices Act, la legge contro le pratiche di corruzione all'estero. La legge è stata firmata dal presidente Carter nel dicembre del 1977. La Lockheed non era l'unico caso, ma certamente il più grande e più famoso. 
La legge federale contro la corruzione all'estero proibisce le pratiche corruttive da parte di persone e persone giuridiche negli Stati Uniti destinate a politici, partiti, o impiegati pubblici esteri. La legge impone anche una trasparenza sulle spese di acquisizione di commesse all'estero nei bilanci di tutte le società quotate negli Stati Uniti. La legge è dunque conseguenza delle indagini compiute dalla Commissione Church e dalla SEC nel 1975-76 che portano allo scoperto tangenti estere pagate da multinazionali americane per un valore superiore a 300 milioni di dollari. 
Una delle preoccupazioni principali era sicuramente la reputazione della aziende americane all'estero, ma dopo il Watergate, anche la connessione interna con finanziamenti illeciti ad attività politiche negli stessi Stati Uniti. In altri termini un genuino allarme per la patologia della corruzione nelle società occidentali, come afferma il senatore Percy, anticomunista e repubblicano, la corruzione sta facendo più di quasi ogni altra cosa per abbattere le democrazie in tutto il mondo.
A seguito di tutto ciò che ho appena  descritto si può constatare molto bene il fatto che siamo di fronte ad un raggiro da parte della Lockheed nei confronti dell'europa. Io non sono qui a dire che ci sono stati ulteriori casi di corruzione e che gli Stati Uniti stanno macchinando chissà che cosa per aiutare le proprie aziende, ma è evidente che c'è qualcosa che non va.
Scusate ma se il Dipartimento della Difesa Usa ha sospeso tutti i test di volo della flotta di F35, ci sarà un qualche motivo. Non sono abbastanza per voi i guai evidenziati da un semplice temporale in cui il tecnologicissimo aereo potrebbe venirsi a trovare causando l'esplosione dei serbatoi del carburante. Non basta il problema del rifornimento in volo? ogni altro velivolo da guerra lo esegue senza problemi già dalla seconda guerra mondiale. Non basta il problema alla pala della turbina del reattore che si frattura? potrei continuare per ore ma la Lockeed Martin e le ditte costruttrici hanno replicato asserendo che i guasti ai velivoli e le protezioni antifulmini sono riservate alla fase conclusiva del programma e delle prove di volo.
 Voglio dire, ma ci siamo frullati il cervello? Voi investireste in un veicolo simile? Io no di sicuro!
In Italia abbiamo L'Alenia-Aermacchi, un’azienda con sede nel varesotto, acquisita da Finmeccanica, che di caccia se ne intende! Come mai lo Stato non ha commissionato dei nuovi velivoli, supersonici, a questa azienda tutta nostra? Scommetto che avrebbe fatto qualcosa di migliore dell'F-35 e di sicuro con un costo minore. Concludendo possiamo dire che se non facciamo lavorare nemmeno le nostre aziende, che in molti settori sono leader a livello mondiale, ma che persone ci sono a guidarci in questo periodo così difficile dove tutto quello che si può fare è puntare sulle nostre eccellenze?


By Steve per tivedoitalia