lunedì 14 aprile 2014

L'Euro e la deflazione




Uno sguardo alle conseguenze di come una sopravvalutazione del tasso di cambio può causare deflazione.

Lettori una domanda: un apprezzamento, cioè l'aumento di valore di una valuta, del tasso di cambio, causa la deflazione?

Un apprezzamento tende a ridurre le pressioni inflazionistiche. Questo perché dopo un apprezzamento del tasso di cambio, il prezzo delle importazioni cade, causando un calo di inflazione da costi e le esportazioni diventano meno competitive , causando minore domanda di esportazioni. L'aumento della domanda di importazioni ed esportazioni relativamente più bassi, riduce la domanda aggregata interna , contribuendo a ridurre l'inflazione demand -pull .
L'apprezzamento può aumentare l'incentivo per i produttori a ridurre i costi per cercare di rimanere competitivi.
Se il paese importa un sacco di materie prime, come il petrolio, i metalli ecc.. un apprezzamento avrà un effetto relativamente significativo sulla riduzione delle pressioni inflazionistiche. Si potrebbe causare deflazione in circostanze eccezionali.

Ma , sarà un apprezzamento a causare deflazione ?

La deflazione è abbastanza rara nelle economie moderne . Anche le economie fortemente depresse spesso ottengono solo una bassa inflazione - inflazione tra lo 0 e il 2 % .

Esso dipende da altri fattori nell'economia. Ad esempio, se l'apprezzamento, è dovuto alla crescente competitività ed un'economia forte, allora è probabile che si abbia una normale attività economica e una forte domanda, nonostante l'apprezzamento. Pertanto, l'inflazione può continuare con un apprezzamento.

L'impatto sull'inflazione dipenderà anche da quanto i produttori trasferiranno la variazione dei tassi di cambio sui consumatori. Dopo un apprezzamento , i prezzi della benzina non possono cadere quanto previsto, perché le compagnie petrolifere aumenteranno i margini di profitto. Inoltre , le imprese possono impegnarsi in copertura valutaria così da appianare le fluttuazioni valutarie.

Tuttavia, se la sopravvalutazione del tasso di cambio è accompagnata da rigorosa politica di bilancio, la politica monetaria restrittiva e di una recessione economica globale, allora l'impatto deflazionistico di un tasso di cambio sopravvalutato potrebbe tradursi in deflazione reale.

A lungo termine (sopravvalutazione e deflazione)

Uno scenario leggermente diverso per una valutazione temporanea , è se un paese sta vivendo un tasso di cambio che è fondamentalmente sopravvalutato per lungo tempo.

Questo è importante per diverse economie dell'Europa meridionale che sono in Euro. Grecia, Portogallo , Italia e Irlanda sono tutti alle prese con l'inflazione prossima o inferiore all'1%. Recentemente , i prezzi sono scesi in quattro paesi , Grecia, Cipro , Portogallo e Slovacchia ( Bloomberg )

Con l'Euro, questi paesi sono diventati competitivi, ma non ci potrebbe essere una svalutazione, perché c'è una sola valuta. Per ripristinare la competitività, essi sono costretti a concentrarsi sulla riduzione dei prezzi ( un processo noto come svalutazione interna ). In una certa misura , questo sta causando deflazione. Grecia e Portogallo hanno perso così tanta competitività, che vi è la necessità di un sostanziale calo dei prezzi per ripristinarla.

La sopravvalutazione del tasso di cambio non è l'unica causa di bias deflazionistico nella zona euro. Tuttavia è significativo.

Pertanto,  una moneta unica ( senza ricorso alla svalutazione ) può lasciare i paesi con le esportazioni non competitive in modo significativo  e un tasso di cambio che non è adatto . Questo può portare a pressioni deflazionistiche e persino la deflazione reale , come la Grecia e il Portogallo stanno scoprendo in questo momento.

By Steve per tivedoitalia